Di Malta e dell’amore mercenario cap.VI di “A zonzo per il Mediterraneo”

viadellebelledonne

http://lalimaelaraspa.blog.kataweb.it/files/2008/05/bordello1.jpg

Annota Simenon nel suo diario di bordo: “Malta si scopre da molto lontano, che emerge dal blu del mare, è una roccia abbagliante rosicchiata da rare macchie di verde. Ma che verde prezioso! L’isola non ha una sorgente, un fiume, un ruscello. Un tempo non aveva nemmeno terra! Nient’altro che la pietra arida che il sole riscaldava! Questi alberi che s’innalzano oggi, questi campi di frumento, questi parchi, non hanno dunque messo radici nella terra maltese ma nella terra che velieri come il mio hanno portato, tonnellata dopo tonnellata, dalla Sicilia”.

View original post 2.548 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...